Crea sito

Norvegia Svezia e Finlandia 2019

Scandinavia

Ancora un nuovo viaggio nel grande Nord. Ancora un’immensa e interminabile emozione!

Norvegia, Svezia e Finlandia Giugno 2019…Luoghi da toglier il fiato, i fiordi, le cascate, i canyon, il mare, traghetti, attrazioni, Renne e Alci e poi ancora una volta….Nordkapp!

Ancora un viaggio fino a Caponord, il nostro 3° viaggio in terra Scandinava a distanza di 3 anni dall’ultimo. Un viaggio completamente diverso, un pò tormentato ma in 24 giorni abbiamo visto tantissime meraviglie naturali che ancora una volta ci hanno rapito il cuore.

Il viaggio dei viaggi lo chiamano…ed è così! Un viaggio che non ti stancherai mai di fare, un viaggio che anche se hai pochi giorni a disposizione, sei pronto ad affrontare, perché sai che non ti annoierai mai. Sai che ogni giorno sarà un nuovo battito di cuore, una nuova intensa emozione. Un viaggio come pochi che ti lascerà sempre, ogni volta ad ogni viaggio la sensazione che dovrai tornare. Perché c’è tantissimo da vedere, attimi che vanno gustati con calma, emozioni che non ti stancheresti mai di rivivere, ricordi che non svaniranno mai e visto che noi in pensione non ci andremo mai…..anche se per 20 giorni o pochi più, se ne abbiamo la possibilità, torneremo ancora, più volte a goderci il Grande Nord e brindare ancora….

In questo nostro articolo vi racconteremo e vi faremo vedere le mete principali viste, le strade percorse, le attrazioni più importanti. Ma per un viaggio così intenso è impossibile raccontarvi tutto. Come sempre allegheremo a fine pagina, il PDF del Diario di viaggio che sempre scriviamo. Dettagliato giorno per giorno, le soste da noi utilizzate per la notte, i rifornimenti e i km percorsi.

Questo nuovo viaggio è iniziato attraversando la Danimarca dal porto di Puttgarden (Germania) fino a Rodby. Abbiamo raggiunto la Svezia e costeggiando la sua costa vichinga appena entrati in Norvegia a Moss abbiamo attraversato in traghetto fino ad Horten. Abbiamo viaggiato lungo la panoramica E18  fino al farò di Lindenses.

Siamo andati a visitare le famose Sverd I Fjell le 3 spade Vichinghe puntate a terra verso il mare infinito, nella periferia di Stavanger.

A Lauvvik abbiamo traghettato fino Oanes e abbiamo percorso per intero la Rv13 la strada turistica più bella in assoluto del sud Norvegia. Abbiamo raggiunto il porto di Hjelmeland e ci siamo fotografati sotto la sedia gigante prima di traghettare fino a Nesvik per raggiungere le nostre cascate paradiso le Latèfossen.

 

Ci siamo avventurati sulla RV7 sull’altopiano dell’Handargervidda fino a Geilo ritrovandoci in un freddo e gelido inverno.

Ci siamo persi la strada per un pò e affrontato strade di montagna indescrivibili e con gran fatica abbiamo raggiunto Lillehammer.

Finalmente abbiamo percorso la RV3 chiamata la “Scorciatoia Verde” della Valle Osterdalen. E’ la strada delle Alci ed è qui che abbiamo visto la più grande Alce del mondo. Un meraviglioso monumento dedicato a queste gigantesche creature meravigliose…ma avvistarne una dal vivo non è poi così semplice.

Abbiamo percorso poi la strada 219 fino a Sollia e percorso la Rv27 sperduti nel Parco del Rondane  ed è qui, in questa parte molto selvaggia e poco turistica che abbiamo visto lei….la nostra prima Alce dal vivo. Piccola di età ma davvero gigante, impaurita ma totalmente consapevole che siamo noi gli intrusi in questo suo meraviglioso habitat naturale.

A Folldall ci siamo ricongiunti sulla famosa E6 la strada turistica per eccellenza che porta fino al grande Nord.

Da Molde abbiamo percorso la meravigliosa Strada Atlantica, l’Atlanterhavsvegen con i suoi paesaggi  e i suoi colori da toglier il fiato.

Abbiamo attraversato il Nordlandsporter il confine tra le due regioni.

Ancora una volta abbiamo raggiunto il Circolo Polare Artico Norvegese e ci siamo fatti consegnare l’Attestato di Passaggio.

Una deviazione non preventivata ci ha portato alla scoperta della selvaggia Svezia percorrendo la strada 77 con un paesaggio e dei colori completamente diversi da quelli affrontati fin ora. Abbiamo raggiunto con la strada 95 l’altopiano di Riksgrense la zona delle Renne ed è qui che abbiamo cominciato ad incontrare le prime Renne selvagge, quelle che devi star attento quando guidi perché ti sbucano da ogni dove.

Abbiamo attraversato tutta la Lapponia Svedese con i suoi meravigliosi laghi che sembrano mare. Una zona isolata e per niente turistica ma con moltissime zanzare.

In viaggio sulla E45 direzione nord, ancora una volta siamo rimasti delusi raggiungendo il Circolo Polare di Jokkmokk che ancora una volta abbiamo trovato chiuso e abbandonato.

Attraversando tutta la Svezia in direzione nord (in una notte mentre fuggivamo dalle zanzare), abbiamo viaggiato verso la Finlandia quasi ininterrottamente lasciandoci sorprendere da un bellissimo sole di mezzanotte mai visto prima e in questa notte abbiamo capito che viaggiare in notturna in queste terre è il miglior modo di vivere la natura in tutto il suo splendore…animali selvaggi mai visti prima che riprendono possesso delle loro terre in un paesaggio davvero surreale per noi abituati al caos della città.

A Karesuando siamo entrati in Finlandia e ci siamo trovati in due Stati contemporaneamente e con un passo di la e uno di qua eravamo a 1 ora di differenza….una cosa banale per una grande emozione. 

Abbiamo viaggiato lungo la piana di Sennalandet anche questa è la zona delle Renne e abbiamo raggiunto Alta e da qui ci mancano davvero pochi km alla grande meta.

Nordkapp arriviamo…..

Raggiungere Nordkapp per la terza volta….Un’Emozione ancora unica come fosse la prima volta!

Festeggiare il mio 38° compleanno a mezzanotte sul piazzale di Caponord…FATTO!

Da Caponord abbiamo cominciato il viaggio di ritorno, sulle bellissime, lunghe e ondulate strade della Finlandia.

Abbiamo raggiunto ancora una volta Rovaniemi ma non abbiamo visto Babbo Natale questa volta…ci siamo goduti l’emozione di aver raggiunto il terzo Circolo Polare in un solo viaggio e….

Abbiamo proseguito il viaggio lungo la bellissima Svezia con i suoi paesaggi selvaggi, strade meravigliose e desolate, visitato ancora le zone del Dalarna e i suoi fantastici Cavalli di Dala.

Siamo andati a Gamla Uppsala e sognato un pò di udire Odino e i suoi guerrieri del Valalla accompagnati ovviamente dai tantissimi Corvi di Odino.

Passeggiare tra i boschi e  sulle colline svedesi è come andare in guerra….o meglio diventare carne da macello ma è solo una leggenda che narra che qui le “Zanzare” hanno una forma gigantesca, quasi come fossero elicotteri…ma no, non disperate la leggenda narra di due italiani in viaggio su terra svedese, in una giornata afosa di giugno con al guinzaglio 2 bassotti irritati che se ne correvano a destra e sinistra pregando il grande Odino di lasciarli vivere, di lasciargli ancora un pò di sangue nelle vene per poter raggiungere la loro nave (camper)…perché per loro, l’ora di ritrovarsi riuniti con i grandi guerrieri seduti alla sua tavola nel Valalla non era ancora arrivata! Fu così che dopo 750 pizzichi di ogni misura e dopo 48 zanzare cadute in guerra, i nostri guerrieri vennero ascoltati e poterono proseguire il loro lungo e intenso viaggio di ritorno a casa….to be continued….!

Solo lungo la strada all’improvviso scoprirono che una di loro era sopravvissuta e si era nascosta all’interno della loro nave… e che era pronta a vendicar la morte delle sue simili, cogliendo durante il sonno restauratore i 4 malcapitati…Chi vinse secondo voi?…..

Raggiunto Malmò, con aria stremata dalla nottata passata in bianco, abbiamo preso la nave nel porto di Travemunde direzione Germania Lubecca e abbiamo salutato la nostra Scandinavia con uno dei migliori saluti al mondo….Arrivederci! Perché torneremo ancora, ancora e ancora….

Un nuovo lungo e intenso viaggio per soli 24 giorni ma che ancora una volta possiamo dire che è uno dei Miglior viaggi che si possano intraprendere.

Purtroppo abbiamo potuto elaborare questo articolo nei weekend di quarantena per il corona virus. Come sempre le cose da raccontare, risistemare i percorsi, inserire le fotografie e sceglierne tra più di mille scattate, sistemare i video è un lavoro lungo che richiede molto tempo e purtroppo il diario di viaggio originale è rimasto sul camper che non riusciamo a raggiungere dal 28 di febbraio, è dove abbiamo segnato ogni coordinata di sosta, ogni percorso, traghetto e costi affrontati  quindi appena ci sarà possibile inseriremo al posto di questo avviso il lungo diario di viaggio in pdf completo con tutte le informazioni utili per progettare un vostro futuro viaggio…e sicuramente un nostro nuovo viaggio…

Sicuri che prima o poi si potrà ritornare a viaggiare

anche in terra straniera.

A PRESTO

Pubblicato da thelittlegulliverontour

Siamo Gloria, Marco e i Bassotti Guido e Valentina. La nostra passione per i viaggi inizia nel 1999 abbiamo viaggiato per anni con aerei, sulle due ruote e con la nostra automobile. Nel 2010 è arrivato il primo bassotto Guido e la nostra passione per l'On the road è cresciuta abbiamo trasformato la nostra auto in una vera Bassmobile, nel 2013 è arrivata anche la bassa Valentina e per stare tutti più comodi abbiamo acquistato una vera casa mobile...ed ora Viaggiamo in Camper su e giù per l'Europa e chissà ....oltre......

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.